La città di Perugia

PERUGIA CITTà

Perugia è un comune italiano di 165 763 abitanti[1], capoluogo dell’omonima provincia e della regione Umbria.

Patria di importanti artisti come il Perugino, il Pinturicchio, Galeazzo Alessi, Vicenzo Danti, e Gerardo Dottori, la città fu meta di formazione artistica di importanti personaggi rinascimentali come Raffaello, Pietro Aretino, Piero della Francesca, Luca Signorelli. La città diede i natali, inoltre, al matematico e astronomo Ignazio Danti, che rivoluzionò la cartografia moderna e che riformò il calendario facendolo passare da giuliano a quello gregoriano.

Ricca di storia e monumenti, polo culturale, produttivo e direzionale della regione, è meta turistica internazionale. L’Università degli Studi di Perugia (1308), principale ateneo umbro, è uno dei più antichi d’Italia e del mondo. È anche sede della seconda accademia più antica d’Italia, l’Accademia di belle arti Pietro Vannucci (1570), nonché sede di una delle primissime biblioteche pubbliche, la Biblioteca Augusta (1592).

Rifondata dagli Etruschi su un pre-esistente insediamento umbro, nel corso dei suoi tremila anni, è stata una delle grandi lucumonie dell’Etruria sotto il nome di Perusna. La cinta muraria etrusca originaria, oggi ancora visibile in molti punti, racchiude il Colle Landone e il Colle del Sole sui quali si erge l’Acropoli. Con un ampio centro storico, asimmetricamente adagiato su una serie di alture collinari a breve distanza dal Tevere, la città conserva un armonioso aspetto medievale e presenta le caratteristiche di un comune sparso, con la presenza di nuovi quartieri nelle aree pianeggianti, numerose frazioni diffuse nel vasto territorio comunale (449,51 km² – 11º comune più esteso d’Italia), e una moltitudine di insediamenti residenziali e produttivi, aree verdi e impianti sportivi.

È conosciuta come “Città del cioccolato” per la storica presenza de La Perugina[3] e di numerose altre imprese specializzate nella produzione di prodotti dolciari.

ll centro storico di Perugia si adagia su un sistema di colline all’altezza di circa 450 m s.l.m.

Nel punto più alto, Porta Sole, l’altezza è di 494 m, caratteristica che ne fa la città italiana più popolata fra quelle poste a un’altitudine superiore a 250 metri. Il centro storico si sviluppa intorno a questo punto e sul crinale dei colli che da esso dipartono, formando un’acropoli e cinque borghi medievali prolungati su cinque porte. All’originaria cinta delle mura etrusche, lunga 3 km, si aggiunse nel Duecento e nel Trecento una nuova e definitiva murazione lunga 9 km, quasi del tutto integra e che delimita una superficie di 120 ettari.

La città storica è quindi prevalentemente allungata sui crinali, con un asse maggiore di 3 km tra Monte Ripido (a nord) e San Costanzo (a sud) e un asse minore di 1,5 tra S. Francesco e Monteluce.

(fonte: wikipedia)


DOVE DORMIRE, DOVE RISTORARSI COSA VEDERE

Strutture ricettive

Ristoranti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *