Il libro: 1982, Il mio mitico mondiale

1982 Il MIO MITICO MONDIALE

Paolo Rossi e Federica Cappelletti. Editore: Feltrinelli (Kowalski).

Copertina Libro 1982 Il Mio Mitico MondialeChi non ricorda il miracolo Paolo Rossi?
A distanza di trent’anni da quel mitico 1982, Paolo Rossi ripercorre i giorni che hanno cambiato la sua vita e che lo hanno reso eterno.
Quei giorni che ci hanno tenuti inchiodati davanti al televisore. E non solo. Aneddoti e ricordi si intrecciano a emozioni, paure, sensazioni. Fino alla finalissima Italia-Germania.

Un Mondiale rimasto nel cuore degli italiani che, dopo il racconto di Paolo Rossi, fanno sentire la loro voce, i loro ricordi, le loro emozioni.
Un libro che è insieme la confessione di un grande campione e la testimonianza di quegli italiani che ancora hanno impresso nel loro cuore l’esultanza del Presidente Pertini e l’urlo indimenticabile del telecronista Nando Martellini: “Campioni del mondo! Campioni del mondo! Campioni del mondo!”.


Paolo RossiPaolo Rossi è nato a Prato il 23 settembre del 1956. È stato campione del mondo con la Nazionale italiana nel 1982, competizione nella quale fu capocannoniere con sei reti e successivamente Pallone d’Oro e Scarpa d’Oro. È l’unico calciatore, insieme a Mario Kempes e Ronaldo, ad aver raggiunto questi tre traguardi nello stesso anno. Occupa la 42ª posizione nella speciale classifica dei migliori calciatori del xx secolo pubblicata dalla rivista “World Soccer”.

Nel 2004 è stato inserito nella Fifa 100, la lista dei 125 più grandi giocatori viventi selezionata da Pelé e dalla Fifa stessa in occasione del centenario della federazione. Oggi è imprenditore e commentatore sportivo e si occupa della Paolo Rossi Academy, scuola di calcio internazionale, su modello americano e con sede a Perugia, dove arrivano ragazzi da tutto il mondo. Ha tre figli: Alessandro, Maria Vittoria e Sofia Elena.


Federica Cappelletti

Federica Cappelletti è nata a Perugia nel 1972. Si è laureata in Lettere moderne a Perugia e in Scienze della comunicazione a Roma. È giornalista, esperta in comunicazione.

Nel 2003 ha pubblicato il libro Razza Juvee, nel 2007 ha vinto il premio giornalistico Cinque Terre e nel 2015 il Fertility Award.  E’ molto apprezzata nel suo lavoro. E’ sposata con Paolo Rossi e madre delle loro figlie Maria Vittoria e Sofia Elena.


 “1982, Il mio mitico mondiale” è la biografia di Paolo Rossi, alias Pablito, dai primi calci tirati a un pallone sul campetto di calcio dell’oratorio di Santa Lucia di Prato (città natale di Paolo) ai 28 giorni che lo hanno consegnato alla storia, rendendolo eterno. E’ un libro fatto di sensazioni ancora sulla pelle, ricordi vivi, commozione, aneddoti strappati dalla moglie giornalista Federica Cappelletti – all’epoca di Spagna ’82 giovanissima fan – a quel marito immenso, inarrivabile, leggenda, che aveva ancora molto da raccontare, e da trasmettere, su quel campionato mondiale che ha reso orgogliosa una nazione intera. L’Italia degli anni Ottanta, gli italiani. E a seguire generazioni su generazioni, senza mai dimenticare.

E quel libro scritto a quattro mani in pochi mesi, concentrati, dedicati, emozionanti, intimi, è stato alla fine un autentico successo letterario e di critica. Tanto da scalare, subito dopo l’uscita e per settimane, le classifiche dei libri più venduti e apprezzati nel panorama nazionale, anche a distanza di trent’anni da quella competizione mondiale dove Paolo Rossi è diventato Paolorossi: uno degli uomini più famosi del pianeta, il goleador che ha oscurato Maradona e Rumenigge, il Carrasco del Brasile autore della Tragedia del Sarrià, l’unico che ha segnato tre gol all’imbattibile Brasile di Zico, Falcao e Socrate, il Bambino d’Oro che ha cambiato il modo di giocare dei brasiliani. Il Pallone d’Oro, uno dei quattro italiani che ha ricevuto questo riconoscimento da una giuria internazionale, la Scarpa d’Oro che tutti i giornali del pianeta hanno esaltato.

Per anni, secondo Gianni Brera, l’essenza del calcio. Un uomo coraggioso, caparbio, talentuoso, opportunista ma generoso, capace di lottare, di battersi, di vincere, di cadere, di rialzarsi e stupire. Anche con il suo libro.